A Dictionary of the Near Future by Douglas Coupland


Douglas Coupland è uno scrittore canadese che ha esordito nel 1991 con il romanzo Generazione X, forgiando l’omonima definizione.

Studia arte all’Emily Carr Institute of Art and Design e poi ha studiato scultura laureandosi, lavorando e studiando a Sapporo in Giappone all’Hokkaido College of Art and Design e a Milano all’Istituto Europeo di Design. Successivamente nel 1985-1986 Coupland ha studiato al Japan-America Institute of Management Science sia a Honolulu, Hawaii, che a Tokyo. Si è laureato con lode e alla fine del 1986 è ritornato a Vancouver dove ha cominciato a scrivere sulla cultura popolare per il Vancouver Magazine e il Western Living Magazine.

Nel 1988 si trasferì a Toronto per lavorare per la rivista economica Vista e, nel 1989 cominciò a scrivere romanzi. Debuttò nel 1991 con “Generation X: Tales for an Accelerated Culture”  grazie al quale fu nominato per il Canada First Novel Award.

Le influenze letterarie di Coupland risalgono a scrittori del secondo dopoguerra come: Margaret Drabble, Truman Capote, Kurt Vonnegut, Joan Didion e gli scritti di Andy Warhol. Nel 2001 Coupland smise di scrivere per le riviste e si concentrò maggiormente sull’arte visiva. Il suo lavoro è un seguito della sensibilità che risale alla Pop art che manifesta spesso la distinzione tra arte e design. Dal 2005 cominciò a esplorare le simmetrie esistenti tra la cultura letteraria e quella delle arti visive. Il suo lavoro, inoltre, ha approfondito l’infinito numero di modi in cui una singola frase o canzone può essere interpretata. Gli artisti della cultura Pop di maggiore ispirazione sono: R.E.M., The Smiths, Chuck Palahniuk e Bret Easton Ellis.

A settembre sul New York Times pubblica il dizionario del futuro prossimo:

AIRPORT-INDUCED IDENTITY DYSPHORIA Describes the extent to which modern travel strips the traveler of just enough sense of identity so as to create a need to purchase stickers and gift knick-knacks that bolster their sense of slightly eroded personhood: flags of the world, family crests, school and university merchandise.
Continua…
ANTIFLUKE A situation in the universe in which rigid rules of action exist to prevent coincidences from happening. Given the infinite number of coincidences that could happen, very few ever actually do. The universe exists in a coincidence-hating state of antifluke.

BELL’S LAW OF TELEPHONY No matter what technology is used, your monthly phone bill magically remains about the same size.

BLANK-COLLAR WORKERS Formerly middle-class workers who will never be middle class again and who will never come to terms with that.

CHRISTMAS-MORNING FEELING A sensation created by stimulus to the anterior amygdala that leaves one with a strong sense of expectation. (See also Godseeking)

CLOUD BLINDNESS The inability of some people to see faces or shapes in clouds.

COMPLEX SEPARATION The theory that, in music, a song gets only one chance to make a first impression. After that the brain starts breaking it down, subdividing the musical experience into its various components — lyrical, melodic and so forth.

COVER BUZZ The sensation felt when hearing a cover version of a song one already knows.

CRYSTALLOGRAPHIC MONEY THEORY The hypothesis that money is a crystallization or condensation of time and free will, the two characteristics that separate humans from other species.

DENARRATION The process whereby one’s life stops feeling like a story.

DESELFING Willingly diluting one’s sense of self and ego by plastering the Internet with as much information as possible. (See also Omniscience Fatigue; Undeselfing)

DIMANCHOPHOBIA Fear of Sundays, a condition that reflects fear of unstructured time. Also known as acalendrical anxiety. Not to be confused with didominicaphobia or kyriakephobia, fear of the Lord’s Day.

FICTIVE REST The inability of many people to fall asleep until after reading even the tiniest amount of fiction.

FRANKENTIME What time feels like when you realize that most of your life is spent working with and around a computer and the Internet.

GODSEEKING An extreme version of Christmas Morning Feeling.

GRIM TRUTH You’re smarter than TV. So what?

IKEASIS The desire in daily life and consumer life to cling to “generically” designed objects. This need for clear, unconfusing forms is a means of simplifying life amid an onslaught of information.

INSTANT REINCARNATION The fact that most adults, no matter how great their life is, wish for radical change in their life. The urge to reincarnate while still alive is near universal.

INTRAVINCULAR FAMILIAL SILENCE We need to be around our families not because we have so many shared experiences to talk about, but because they know precisely which subjects to avoid.

HUMANALIA Things made by humans that exist only on earth and nowhere else in the universe. Examples include Teflon, NutraSweet, Paxil and meaningfully sized chunks of element No. 43, technetium.

INTERNAL VOICE BLINDNESS The near universal inability of people to articulate the tone and personality of the voice that forms their interior monologue.

INTERRUPTION-DRIVEN MEMORY We remember only red traffic lights, never the green ones. The green ones keep us in the flow, the red ones interrupt and annoy us.

INTRAFFINITAL MELANCHOLY VS. EXTRAFFINITAL MELANCHOLY Which is lonelier: to be single and lonely, or to be lonely within a dead relationship?

KARAOKEAL AMNESIA Most people don’t know the complete lyrics to almost any song, particularly the ones they hold most dear. (See also Lyrical Putty)

LIMITED POOL ROMANTIC THEORY The belief that there is a finite number of times in which one can fall in love, most commonly six.

LYRICAL PUTTY The lyrics one creates in one’s head in the absence of knowing a song’s real lyrics.

MALFACTORY AVERSION The ability to figure out what it is in life you don’t do well, and then to stop doing it.

ME GOGGLES The inability to accurately perceive oneself as others do.

MEMESPHERE The realm of culturally tangible ideas.

OMNISCIENCE FATIGUE The burnout that comes with being able to know the answer to almost anything online.

POST-HUMAN Whatever it is that we become next.

PROCELERATION The acceleration of acceleration.

PSEUDOALIENATION The inability of humans to create genuinely alienating situations. Anything made by humans is a de facto expression of humanity. Technology cannot be alienating because humans created it. Genuinely alien technologies can be created only by aliens. Technically, a situation one might describe as alienating is, in fact, “humanating.”

ROSENWALD’S THEOREM The belief that all the wrong people have self-esteem.

SITUATIONAL DISINHIBITION Social contrivances within which one is allowed to become disinhibited, that is, moments of culturally approved disinhibition: when speaking with fortunetellers, to dogs and other pets, to strangers and bartenders in bars, or with Ouija boards.

STANDARD DEVIATION Feeling unique is no indication of uniqueness, and yet it is the feeling of uniqueness that convinces us we have souls.

STAR SHOCK The disproportionate way that meeting celebrities feels slightly like being told a piece of life-changing news.

STOVULAX A micro-targeted drug of the future designed to stop fantastically specific O.C.D. cases, in this case a compulsion involving the inability of some people to convince themselves after leaving the house that the stove is turned off.

UNDESELFING The attempt, usually frantic and futile, to reverse the deselfing process.

ZOOSOMNIAL BLURRING The notion that animals probably don’t see much difference between dreaming and being awake.

Ecco la traduzione presa dall’ultimo numero di Internazionale in edicola:

AMNESIA KARAOKEA: molti non conoscono tute le parole neppure di una sola canzone, soprattutto di quelle che amano di più (vedi anche creta lirica)

AVVERSIONE MALFATTORIA: la capacità di capire quello che non sai fare nella vita e smettere di farlo.

CECITA’ ALLA NUBE: l’incapacità di alcune persone di vedere facce o forme nelle nuvole.

CECITA’ ALLA VOCE INTERIORE: la quasi universale incapacità degli individui di articolare il tono e la personalità della voce che forma il loro monologo interiore.

CONFUSIONE ZOOSONNALE: l’idea che gli animali probabilmente non vedono una gran differenza tra sogno e veglia

COLLETTI BLANDI: ex lavoratori della classe media che non saranno mai più classe media e non se ne faranno mai una ragione.

CONTROCASO: una condizione dell’universo in cui esistono norme rigide per impedire che si verifichino coincidenze. Considerando il numero infinito di coincidenze che si possono verificare, in realtà se ne verificano molto poche. L’universo esiste in uno stato di controcaso anticoincidenzale.

COVERONZIO: la sensazione che proviamo ascoltando la cover di una canzone che conosciamo già.

CRETA LIRICA: le parole che inventiamo quando non sappiamo le vere parole di una canzone.

DENARRAZIONE: il processo attraverso il quale la nostra vita smette di sembrarci un racconto

DESELFIZZAZIONE: diluire intenzionalmente il proprio io inondando internet del maggior numero di informazioni possibile (vedi anche stress da onniscienza, dedeselfizzazione)

DEDESELFIZZAZIONE: il tentativo, di solito frenetico e inutile, di invertire il processo di deselfizzazione.

DEVIAZIONE DI STANDARD: sentirsi unici non è un’indicazione di unicità, eppure è proprio quella sensazione di unicità a convincerci che abbiamo un’anima.

DISFORIA IDENTITARIA DA AEROPORTO: definisce la misura in cui i viaggi moderni spogliano il viaggiatore della sua identità quel tanto che basta a creare il bisogno di acquistare adesivi e articoli regalo per puntellare una personalità lievemnrte erosa: bandire del mondo, stemmi nobiliari, gadget di scuole e università.

DISINIBIZIONE SITUAZIONALE: situazioni sociali in cui si è autorizzati a essere disinibiti, cioè momenti di disinibizione culturalmente approvata: quando si parla con un’indovina, con un cane o altri animali domestici, con estranei e baristi di locali pubblici, o con un medium.

DOMENICOFOBIA: paura delle domeniche, una condizione che riflette la paura del tempo libero. Anche nota come ansia calendarica. Da non confondersi con domingofobia o kyriakofobia, paura del giorno del Signore.

FRANKENTIME: il tempo come lo percepiamo quando ci rendiamo conto di passare la maggior parte della nostra vita con e intorno a un computer e a internet.

HUMANALIA: cose fatte da umani che esistono solo sulla Terra e in nessun altro posto dell’universo. Alcuni esempi: il teflon, l’aspartame,, la paroxetina, pezzi di dimensioni rilevanti di tecnezio.

IKEASI: il desiderio, nella vita quotidiana e nella vita del consumatore, di aggrapparsi a oggetti dal design “generico”. Questo bisogno di forme chiare ed essenziali è un mezzo per semplificarsi la vita sotto un bombardamento di informazioni.

LEGGE DI BELL DELLA TELEFONIA: qualunque tecnologia usiate, la vostra bolletta del telefono resterà magicamente invariata.

MALINCONIA INTERAFFINITARIA CONTRO MALINCONIA EXTRAFFINITARIA: cosa è peggio: essere single e sentirsi soli, o sentirsi soli in un rapporto morto?

MEMESFERA: il regno delle idee culturalmente tangibili.

MEMORIA INTERRODIRETTA: ci ricordiamo solo i semafori rossi, mai quelli verdi. Quelli verdi ci fanno seguire il flusso, quelli rossi c’interrompono e ci disturbano.

MIOTTRIE: l’incapacità dei vederci chiaramente come ci vedono gli altri.

POSTUMANO: qualunque cosa sia quello che diventeremo poi.

PROCELERAZIONE: l’accelerazione dell’accelerazione.

PSEUDOALIENAZIONE: l’incapacità degli esseri umani di creare situazioni autenticamente alienanti.

REINCARNAZIONE LAMPO: il fatto che quasi tutti gli adulti desiderano un cambiamento radicale anche quando  hanno una vita fantastica. Il desiderio di reincarnarsi è universale.

RICERCA DI DIO: una versione estrema della sindrome da mattina di Natale.

RIPOSO FITTIZIO: l’incapacità di molti individui di addormentarsi se non hanno letto anche solo una minima quantità di fiction.

SCIENZA FAMILIARE INTRAVINCOLARE: il bisogno di stare con persone di famiglia, non perché siano quelle con cui possiamo parlare di tante esperienze comuni, ma perché sono quelle che sanno esattamente quali argomenti evitare.

SEPARAZIONE COMPLESSA: la teoria, in musica, secondo cui una canzone ha una sola occasione per lasciare una prima impressione. Dopodiché, il cervello comincia a frammentare l’esperienza musicale nelle sue varie componenti: testo, melodia, eccetera.

SINDROME DA MATTINA DI NATALE: sensazione prodotta dalla stimolazione dell’amigdala anteriore che ci lascia carichi di aspettative.

STRESS DA ONNISCIENZA: il sovraffaticamento che colpisce chi sa già tutto quel che legge in rete.

STUFAX: un farmaco micromirato del futuro per curare casi assolutamente particolarissimi di disturbo ossessivo – compulsivo: in questo caso, una compulsione che riguarda l’incapacità di alcuni individui di convincersi, una volta usciti di casa, di avere spento la stufa.

TEOREMA DI ROSENWALD: la convinzione che solo le persone sbagliate sono dotate di autostima.

TEORIA CRISTALLOGRAFICA DEL DENARO: l’ipotesi che il denaro sia una cristallizzazione o condensazione di tempo e libero arbitrio, le due caratteristiche che separano l’essere umano dalle altre specie.

TEORIA DEL NUMERO CHIUSO AMOROSO: la convinzione che ci sia un numero finito di volte in cui ci si può innamorare, di solito sei.

TRISTE VERITA’ : siete più intelligenti della tv. E allora?

VIP SHOCK: il modo sproporzionato in cui reagiamo incontrando una celebrità, simile a quando riceviamo una notizia che cambia la vita.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...