Have you guys ever been to Uranus?


Poichè le nostre care tute sono fondamentalmente curiose sui massimi sistemi e aspirano a conoscere i segreti più intimi dell’universo passando dall’ingresso secondario, l’altra notte hanno rinunciato al classico e rassicurante rituale della bevuta al bar tra amici per seguire il coniglio bianco della bassa.

L’infame animale ha testato a lungo la loro determinazione depistandoli per ore attraverso le buie campagne ferraresi, ma le tute erano tutt’altro che scoraggiate e la cosa non ha fatto altro che alimentare la loro sete di sapere.

Svoltata l’ennesima curva cieca, l’onirica guida era scomparsa e dalle oscurità si riconosceva il sinistro profilo di una cupola metallica che era la casa/laboratorio di Angelo F.

Appassionato di astronomia, collezionista di minerali rari e ordinari, di conchiglie levogire e destrogire mostrando le quali si diletta ad argomentare sulla simmetria dell’universo, Angelo F. circa 75 anni, si può definire un personaggio singolare.

Ha costruito un osservatorio astrale in casa sua e vari macchinari di cui non è chiaro l’uso e il fine, ma che gli hanno fatto vincere più volte il premio di “miglior hobby”(?)

Suo amico e assistente è Stefano, circa 35 anni. Quest’ultimo ha costruito un radiotelescopio e una macchina per il condizionamento meteorologico che però, a quanto pare, ha lo spiacevole inconveniente di piegare gli alberi circostanti.

Stefano afferma, tra le altre cose, che la luce non si propaga nel vuoto ma attraverso stringhe quantistiche deformate che si comportano come i vagoni di un treno. E’ affascinato dalla cosiddetta divina proporzione del quale cerca di scoprire nuove conferme e misteriose applicazioni. Ha una spiegazione convincente sul fenomeno dei cerchi nel grano che si basa sulla certezza di vita extraterrestre di cui, presumibilmente, fa parte in quanto parla degli abitanti del pianeta Terra in terza persona plurale.

Il telescopio puntava la Luna e la magia di quelle grosse lenti allineate regalava la reale impressione di poterla toccare; più di qualsiasi foto satellitare. Sembrava di poter scivolare giù lungo i suoi crateri. Quindi rotta verso il gigante Giove e ritorno.

Dal 1991 il laboratorio è aperto a tutti, tutti i giorni dalle 10 di sera alla 4 del mattino, ma non presentatevi senza qualche bottiglia di lambrusco. Il registro conta migliaia di visite tra cui quella, recente, di 7 tute spaziali.

osservatorio astrale di Angelo F.
osservatorio astrale di Angelo F.
le tute discutono su nuovi sistemi di propulsione per sottomarini
la discussione entra nel vivo
"trappola per fotoni"
"trappola per fotoni" nessuno ne ha mai preso uno <come mai?> chiedere a Stefano
Advertisements

One thought on “Have you guys ever been to Uranus?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...